Scottanti…Capesante all’Arancia Salvia e Miele

capesante arancia salvia e miele

Come spesso ricordiamo è proprio la selezione degli ingredienti ad essere fondamentale per la riuscita di un buon piatto e qui…non ci siamo fatte mancare proprio nulla…

Ingredienti

6 capesante

il succo di 2 arance

4 foglie di salvia

1 cucchiaio di Miele Millefiori Vis

2 cucchiai di Arneis …o un buon Vino bianco

Burro

Sale

Pepe

Mettete in una ciotola il succo delle arance, 1 cucchiaio di ottimo Miele Millefiori, le foglie di salvia tagliate grossolanamente a coltello, sale e pepe, lasciate che il succo riposi  per almeno 30 minuti avendo la costanza di rigirare spesso il composto.

Mettete una generosa noce di burro in un tegame e, a fuoco brillante, fatelo sciogliere,lavate le capesante, asciugatele e mettetele a rosolare nella padella, girandole solamente quando saranno belle dorate da un lato.

Una volta che saranno dorate da ambedue i lati, versate il vino in due volte, prima un cucchiaio…lasciate sfrigolare …e poi l’altro…e poi sempre poco alla volta versate circa 3/4 del succo di arancia che avete preparato, poco alla volta in maniera che le capesante abbiano il tempo e la cura di assorbire poco alla volta il condimento, versate il la rimanente parte del succo, rigirate sempre velocemente le capesante…che saranno pronte in diciamo…7-8 minuti in tutto!!!

Servite caldissime…

Annunci

L’ Energia del Giallo nel Tortino Profumato al Limone e Glassa al Cioccolato

tortino al limone con glassa al cioccolato

Giallo come la libertà, il calore e la libertà.

Giallo come il sole, come gli occhi grandi di un gatto, come  il grano, come i limoni , giallo come il miele….giallo come un tortino al cioccolato!

Ingredienti :

  • 250 gr di zucchero
  • 130 gr di farina 00
  • 300 gr di burro morbido
  • 130 gr di maizena
  • 2 limoni – succo + scorza
  • 4 uova
  • 1 bustina di lievito
  • glassa al cioccolato per dolci

Dichiarazione: ho usato la glassa pronta!…una vergogna lo so…non avevo temp..ehm voglia…lo so è una vergogna…ma vi giuro che…ed è stato velocissimo!! e bellissimo!!!ed è  buonissima!!!

Detto ciò…

Preriscaldate il forno a 180°C.

Mettete nella planetaria…(forse era la giornata nazionale della vergogna…non faccio neppure nulla a mano!!!) il burro morbidissimo a temperatura ambiente,150 gr di zucchero ed i tuoli delle uova…e mescolate fino a quando non avrete ottenuto un composto mooorbidissimo. In una ciotola mescolate intanto farina, maizena e lievito, setacciateli ed aggiungeteli al composto nella planetaria, unitamente alla scorza del limone.

Montate i bianchi a neve con lo zucchero e quando sono pronti unite pian pianino il succo del limone ottenendo un composto molto liscio e lucido…, ora unite questa meraviglia al composto nella planetaria ma poco alla volta a molto delicatamente con l’aiuto di una spatola. Amalgamate con cura.

Preparate i pirottini che vorrete utilizzare per i tortini, io ho usato quelli in silicone per i muffin, sistemandoli nell’apposita  teglia con buchi  e riempiedoli quasi completamente.

infornate per circa 20 minuti…si doreranno e formeranno dei…simil-funghetti…e prima di sfornarli provate sempre la cottura con uno stuzzicadenti.

Sfornate le meraviglie, mettetele su una gratella a raffreddare.. 

Ora …vergognandovi preparate le glassa…che va solo messa, con il suo involucro in acqua bollente per circa 7-8 minuti e, una volta pronta… irrorate la superficie dei tortini con la glassa.

…e gustatevi queste meraviglie…guarnendo il piatto di portata con un filo di glassa e spolverizzando leggermente con la scorza del limone grattugiata al momento.

 

 

Ispirazione…Fagottini di Verza Ripieno di Ceci Ricotta e Salsiccia

involtino verza ok

Questa ricetta ha una sua dedica : “alla nostra Amica Tiziana”…perchè ha voluto fare outing con noi e rivelarci che avrebbe preparato dei meravigliosi involtini di verza…in versione vegetariana ed in versione salsicciosa…noi ci siamo ispirate alle sue meravigliose ricette creandone una sola che le mettesse insieme…e perchè gli involtini di verza così come ce li raccontava ci facevano tanta tanta voglia!!! GRAZIE TIZIANA BELLA!!!!

Ingredienti

10 foglie di verza

230 gr di ceci precotti

150 gr di salsiccia

150 gr di ricotta

1 cipollotto

prezzemolo fresco

sale

pepe

Olio Extravergine

Salsa di Soia

Preriscaldate il forno a 190°C

Fate bollire per pochi minuti le foglie di verza in acqua salata, solo il tempo che si ammorbidiscano, prelevatele dall’ acqua e mettetele a scolare e raffreddare un pochino.

Nel mixer mettete invece la salsiccia priva di pelle, la ricotta, i ceci scolati, un pugno di prezzemolo, il cipollotto, sale pepe e frullate ammorbidendo il composto, per quanto necessario, con un filo di olio extravergine.

Stendete sul piano di lavoro le foglie di verza, riempitele con un a cucchiaiata di composto e chiudete a fagottino.

Mettete su fuoco un tegame capiente con un fili di olio extravergine e mettete i fagottini a rosolare  avendo cura di rigirlarli  dai 2 lati.

Una volta che saranno dorati ed avranno spigionato un profumo delizioso…irrorateli con un po’ di salsa di soja e fateli rigirare ancora per circa 5 minuti.

Ponete i fagottini delicatamente in un tegame con tuto il loro prezioso intingolo e mettete in forno per circa 10 minuti.

serviteli caldi…ma anche freddi sono BUONISSIMI!

Eccentrico Piemonte…Tartellette di pane nero con peperone e acciuga

peperone ok

Finger food o antipasto? Fate voi! E’ comunque un ottimo modo per ritrovare due ingredienti classici della cucina piemontese : il peperone e l’acciuga (in questo caso in forma di pasta) .

Per questa ricetta è importantissimo utilizzare un ottimo stracchino cremoso. E quale occasione migliore di questa per utilizzare il fantastico stracchino morbido Spega che darà una consistenza unica al vostro impasto!

Ingredienti:

Pane nero affettato, 2 -3 peperoni arrostiti, pasta d’ acciughe, stracchino Spega  , olio di semi.

In una ciotola mescolare 250 grammi di stracchino , 4 cucchiai di pasta d’acciughe e 3 cucchiai di olio fino ad ottenere una crema uniforme. A seconda del vostro gusto potete aggiungere più o meno pasta d’acciughe (esempio passare a 6 cucchiai per un gusto intenso).

Spalmare sulle fette di pane uno spesso strato della crema così ottenuta; quindi tagliare le fette in quadrati di circa 5 cm di lato (ovviamente la dimensione è a piacere!).

Prendere i peperoni arrostiti ( in questo caso  comprati, ma nessuno vieta di arrostirli da soli!) , meglio se uno giallo e uno rosso, e tagliarli in quadratini delle stesse dimensioni del pane. Appoggiarli quindi sul pane per completare così la tartina!

Insolita…mente…Parmigiana di Zucchine!

parmigiana di zucchine
Ingredienti :
4 zucchine grandi
farina…per infarinare le zucchine
1 scatola di Ottima passata di pomodoro
2 scalogni
olio extravergine
Parmigiano
sale e pepe
olio per friggere
Per la marinatura del primo sale
basilico fresco
menta fresca
olio extravergine
sale
pepe
Preparazione:
Per prima cosa affettate il primo sale molto sottile, io ho fatto delle piccole listarelle che ho sistemato in una pirofila, irroratele con un filo d’olio, aggiungete sale, pepe, e basilico e menta  freschi tagliati finemente. 
Lasciate marinare più tempo possibile, rigirando spesso.  
Lavate ed affettate le zucchine nel verso della lunghezza, infarinatele e friggetele in abbondante olio caldissimo pi ponetele su della carta assorbente…ma se sono ben fritte…non rimarranno affatto unte!
Mettete a scaldare la passata di pomodoro con un filo d’olio e sale, in un padellino antiaderente fate invece imbiondire lo scalogno tritato fine.
Preriscaldate il forno a 180°C
Prendete una pirofila da forno, e mettete un paio di cucchiai di salsa di pomodoro, poi fate uno strato di zucchine, irrorate con il parmigiano e ponete al di sopra uno strato di fettine di primo sale che avrete prelevato dalla marinata mantenendo il basilico e la menta, ancora aggiungete un po’ dello scalogno che avete imbiondito. 
Fate un altro strato o due a seconda di quanti ingredienti vi rimangono a disposizione, finite con una bella spolverata di parmigiano e poi pangrattato in maniera che si formi una bella crosticina.
Mettete in forno per circa 25 minuti e fino a che non avrete una deliziosa copertura dorata. 
e Buon Appetito!!!

 

Semplicemente …Polpettone!

polpettone ok

Polpettone!  No, non quello che temevamo il venerdì alla mensa delle elementari in quanto insieme degli avanzi della settimana.  Non l’omologo salato della Luisona del bar Sport, bensì un “-one” meritato per la freschezza, la ricchezza e l’abbondanza degli ingredienti.

Il tutto utilizzando la ricotta del caseificio pugliese  invece del solito pane imbevuto di latte…stessa consistenza ma moooolto più gusto!

 Un secondo completo, accompagnato – a piacere –  da verdure quali carote, cipolle o patate che possono cuocere assieme.  Semplice, comodo e soprattutto buono!

 

Ingredienti:

500 grammi carne tritata magrissima, 125 grammi ricotta del caseificio pugliese, 100 grammi mortadella, 100 grammi prosciutto cotto, 2 uova , 4 cucchiai abbondanti di parmigiano, pangrattato, 1 bicchiere di vino bianco,  100 grammi di pancetta coppata , mezzo bicchiere di olio di oliva,  dado granulare, sale, pepe.

Carote, cipolle e patate tagliate a pezzi per il contorno.

 

Procedimento:

Mescolare la carne, le uova, la ricotta, la mortadella, il prosciutto e il parmigiano , sale e pepe creando un composto omogeneo.

Lasciar riposare  per mezz’oretta. 

Prendere l’impasto e creare la forma del polpettone; cospargerlo tutt’attorno di pangrattato, aggiungere le fette di pancetta sulla parte superiore. 

Preriscaldare il forno a 220 gradi.

Prendere una casseruola, versare l’olio, mettere il polpettone, aggiungere il vino bianco, versare  ancora con un filo di olio sopra il polpettone, aggiungere un misurino di dado granulare. 
Aggiungere la verdura tagliata a pezzi e bagnarla col fondo di olio e vino bianco.

Infornare per 1 ora e mezza a forno ventilato.

Di tanto in tanto bagnare il polpettone e le verdure con l’olio del fondo per fare in modo che non si secchi.

Una volta tolto dal forno , tagliatelo a fette e servite con le sue verdurine !

 

Accostamenti…Tortini di Patate Viola su Crema di Zafferano

tortini viola

La gente vede la follia nella mia colorata vivacità e non riesce a vedere la pazzia nella loro noiosa normalità!

Johnny Depp

Per i Tortini Viola

800 gr di patate viola

150 gr di Stracchino di Capra Spega 

50 gr di porro tagliato fine

50 gr panna liquida

1 uovo

sale

pepe

pangrattato

Olio Extravergine

Per la Crema allo Zafferano

25gr di burro

25 gr di farina

250ml di latte

sale

2 bustine di zafferano

Pelate le patate e fatele bollire in abbondante acqua salata.

Scolatele, pelatele e schiacciatele con lo schiacciapatate.

Preriscaldate il forno a 180°C

Mettete le patate schiacciate in una ciotolina, aggiungete il porro che avrete fatto rosolare dolcemente in una padellina, aggiungete anche lo stracchino, il sale ed il pepe e l’uovo.

Lavorate l’impasto molto bene con una frusta.

Prendete la teglia per muffins, oliate tutti i “buchini” con un pennello da cucina che avrete bagnato con un goccio di olio, versatevi all’interno del pangrattato e …mettendovi sopra il lavandino per evitare di fare pasticci…sbattete bene la teglia in maniera che il pangrattato aderisca alle pareti dei “buchini” della teglia e lasciate cadere il pangrattato in eccesso.

Riempite con l’impasto fino a 3/4 ogni pirottino e …IMPORTANTE : sbattete a questo punto, con grande vigore, la teglia sul tavolo…in maniera che possiate notare che il pangrattato rimane attaccato come per magia ai lati dell’impasto che già si trova nei “buchini” della teglia.

Infornate per circa 20 minuti, poi provate con uno stuzzicadenti, se ne uscirà pulito saranno pronti.

Prepariamo la crema facendo un roux con il burro sciolto in un pentolino a cui aggiungeremo la farina e mescoleremo con energia. Via dal fuoco aggiungeremo il latte tiepido, rimetteremo sul fuoco e mescoleremo sino ad addensamento della salsa. Aggiustate di sale ed aggiungete lo zafferano, mescolando.

Sono belli, colorati ed ottimi…sia caldi che freddi

Per Vino e Salvia

So che questo è un blog di cucina, ma per noi è sempre stato di più…è un modo per evadere dalla vita di tutti i giorni, è un modo per dare sfogo alle nostre passioni e alla nostra creatività, è un modo per sentirci unite al di là di tutto…

E proprio per questo motivo, credo di dover ringraziare Vino e Salvia pubblicamente per tutto quello che mi hanno sempre dato, per le esperienze di vita e di cucina che mi hanno permesso di condividere, e per la fiducia e la condivisione che c’è sempre stata… 

è possibile che in quanto Mirto debba allontanarmi fisicamente da Vino e Salvia, ma spero che questo blog rimanga sempre un punto di incontro, una casa in cui rifugiarmi ovunque io sarò e comunque andrà…come dice Lilo (di Lilo e Stitch) “Ohana significa famiglia, e famiglia significa che nessuno viene dimenticato”… Voi siete la mia famiglia, questo blog è come una casetta in cui vi incontrerò sempre, e io mai vi dimenticherò….

 

I legami che ci vincolano a volte sono impossibili da spiegare…
ci uniscono anche quando sembra che i legami si debbano spezzare…
certi legami sfidano le distanze e il tempo e la logica…
perchè ci sono legami che sono semplicemente destinati ad esistere! (Cit.)

 

 Vi voglio bene

Mirto

 

 

 

 

Crocchiano le Crocchette di pollo con Panatura Chips!

crocchette patatine

La volete un’idea semplice e Croccante??!!

Prendete delle fettine di petto di pollo e tagliatelo a dadini.

Preparate la panatura sbriciolando con le mani le patatine in busta (tipo chips), aggiungete un po’ di pangrattato e pepe, in un’altra ciotola preparate l’uovo, con un goccio di latte, sale  e pepe, poi ancora una ciotola con solo farina bianca.

Passate i dadini di pollo prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e per finire nelle patatine.

Se avete un pochini di tempo in pià lasciate il pollo impanato in frigorifero per almeno una ventina di muniti in maniera che la panatura si rapprenda bene attorno al pollo.

Fate scaldare benissimo l’olio in un pentolino con i bordi alti e friggete il pollo.

Crocchieranno tutti!! Grandi e piccini!!!

Facciamo Festa : Leccalecca o Pizzapop?

pizzapop ok

Mamma che belli!!!

Dopo le nostre girandole di pizza … pubblicate ben prima che una famosa marca ne lanciasse una versione identica sul mercato…ora noi puntiamo al raddoppio e lanciamo la sfida…ma sopratutto a voi che avete voglia di fare festa, e di proporre ai vostri ospiti qualcosa di veramente carino ed insolito : divertitevi con noi!!

Per 15 leccalecca

Un rotolo di pizza

passata di pomodoro

sale

origano

Preriscaldate il forno a 200 °C

Stendete il rotolo di pizza sul piano di lavoro, mettete sulla pizza due cucchiai di passata di pomodoro, salate ed aggiungete una spuzzata di origano.

con un coltello affilato tagliate la pizza dal lato lungo a striscioline si circa 1 cm / 1,5 cm.

aiutandovi col la punta del coltello arrotolate le striscioline una ad una e ponetele sullla teglia del forno su cui avrete sistemato un foglio di carta forno.

Infilate ogni girandolina con una stuzzicadente lungo, in maniera che cuocendo la pasta si gonfi ed aderisca allo stecchino.

Cuocete in forno per 10 minuti al massimo.

Sono certa farete felici…piccoli e grandi!!