Mannaggia a quel Cavoletto che ci ha Fatto Litigar! Cavoletti di Bruxelles, Bacon e Baked Beans

cavoletti, bacon e baked beans

Il cibo è la forma più primitiva di conforto che io conosca.

(Sheila Graham)

*

Adoro i Cavoletti di Bruxelles…e una delle mie battaglie nel mondo è poterne fare apprezzare le sue piacevolezze!!

In questa ricetta ho fatto incontrare 2 ingredienti molto particolari : i cavoletti di Bruxelles ed i baked beans…certo…se non siete mai stati nel regno Unito questi ultimi non vi evocheranno un granchè, ma non esiste English Breakfast degna di chiamarsi tale senza questi rinomatissimi fagioli.

Cercateli al supermercato – non sono così rari – …perchè il loro sapore è inconfondibile…e questa ricetta sposa benissimo la loro dolcezza ed il leggero *gusto amarognolo dei cavoletti di bruxelle*

(…*ho detto leggero!)

300 gr cavoletti di bruxelles

1 scatola di Baked Beans

1 cipolla bionda

100 gr bacon a fette

1/2 bicchiere  di vino bianco

pepe

curcuma

curry

olio extravergine

Togliete le prime 2 foglioline esterne dai cavoletti di Bruxelles, tagliateli a metà e fateli cuocere in acqua salata per circa 10 minuti, fino a quando saranno cotti ma non troppo…lasciate sempre le verdure un po’ croccanti!

Scolateli ed immergeteli in acqua a ghiacchio in maniera che mantengano il loro bel colore acceso!

Mettete in un tegame la cipolla tritata finemente insieme a 3 cucciai di olio  e fatela ammorbidire, unite il bacon  a fettine sottili, fatelo rosolare ed aggiungete i cavolini di Bruxelles.

Date una bella mescolata ed aggiungete i baked beans…con il loro sughetto.

Spolverizzate con un po’ di pepe, a vostro gusto aggiungete un pizzico di curry e curcuma.

attenti a non aggiungere sale…poichè avrete nella vostra pietanza già il bacon e le spezie che penseranno ad equilibrare bene la sapidità del piatto.

Basteranno 5 o sei minuti affinchè i gusti soi amalgamino deliziosamente…mettete del pane a tostare sulla piastra e non smettete di mangiare questa delizia fino a quando non sarà tutto finito!!

KEEP CALM and Filetto di Maiale con Verdure e Funghi Pioppini, Quenelle al Caprino e Riduzione al Marsala

filetto di maiale e riduzione al marsala con verdure , funghi pioppini e quenelle al caprino

La scoperta di un piatto nuovo è più preziosa per il genere umano che la scoperta di una nuova stella.

(Anthelme Brillat-Savarin)

*

1 filetto di maiale

2 patate

1 melanzana

funghi pioppini

Marsala Secco formaggio caprino

Polpa di pomodoro

Mozzarella

origano

uno spicchio di aglio

sale

pepe

olio extravergine

Non lasciatevi ingannare da titolone lungo di questa ricetta, in realtà è molto molto semplice e di sicurissimo effetto con i vostri ospiti.

tagliate il filetto di maiale a fettine spesse circa 1 cm e 1/2 e lasciatele marinare in una ciotola coperte dal marsala (più marineranno più acquisiranno il suo meraviglioso aroma…ma se non avete tempo lasciatele marinate giusto il tempo di preparate le verdure che accompagnano questa pietanza)

Preriscaldate il forno a 200°

Tagliate le melanzane e le patate a fettine spesse circa 1/2 cm. Ponetele sulla placca del forno che avrete ricoperto con un foglio di carta forno. Mettete in una ciotola la passata di pomodoro e conditela con olio, sale, pepe. tagliate a piccoli tocchetti la mozzarella. Mettete su ogni fettina un cucchiaino di passata di pomodoro, un pezzettino di mozzarella e spolverizzate con un po’ di origano.

Infornate e cuocete, occorreranno circa 15 minuti.

In una padella antiaderente mettete lo spicchio di aglio schiacciato e 2 cucchiai di olio extravergine, fate cuocere poi i funghi pioppini per pochi minuti e teneteli da parte .

Cuocete le fettine di filetto passandole per pochissimi istanti su una piastra molto calda.

Mettete il marsala in un tegamino a fuoco vivace e fatelo evaporare fino ad ottenere una riduzione.

servite il maiale appena cotto con una fettina di melanzana alternata ad una di patata, i funghi e delle piccole quenelle di formaggio caprino che si scioglieranno meravigliosamente con il calore ed il cui sapore ben si accompagnerà al vostro piatto.

Una sciccheria!…Visto quanto era semplice!!

The Secret Garden : Roselline di Sfoglia alla Marmellata di Arance

rose di sfoglia ok.png

Una rosa non ha bisogno di predicare. Si limita a diffondere il suo profumo.(Gandhi)

*

Ebbene sì siamo cadute anche noi nella trappola infernale delle roselline di pasta sfoglia…

Avevo fatto un tentativo tempo fa : fallitissimo! …e non me ne facevo una ragione! Il web impazzisce per le roselline si sfoglia, tutti riescono a farle…beh…io forse avevo letto una ricetta un po’ frettolosa…chi l’aveva scritta aveva omesso un passaggio importantissimo…lo scoprirete : fatele con me!

8 / 10 mele di sfoglia

2 mele rosse

2 rotoli di pasta sfoglia rettangolari

zucchero semolato

marmellata di arance

succo di limone

burro per la teglia

Preriscaldare il forno a 170°

E’ importante  – secondo me- non riscaldare eccessivamente il forno, la cottura richiederà un po’ più tempo ma non rischierete di bruciare le vostre roselline (…e questo già potrebbe essere uno dei segreti per creare la rosellina perfetta..!)

Tagliate le mele a fettine non troppo sottili e NON privandole della buccia e mettetele immediatamente in un contenitore con del succo di limone in maniera che non anneriscano .

Mettete sul fuoco una pentola piena di acqua e zucchero (3 o 4 cucchiai)  ed immergetevi le fettine una volta che raggiungerà il bollore. Fate cuocere per 4 o 5 minuti …ma controllate la cottura dei petali che dovranno essere appena morbidi…non troppo cotti ma “flessibili” …per chè poi dovrete arrotolarli ( ECCO! questa era la parte che avevo omesso, mio malgrado nel mio primo Rosa-esperimento!! ed è importantissima perchè se non le fate cuocere si spezzeranno quando tenterete di arrotolarle!)

Scolate le mele e fatele raffreddare.

Tagliate delle strisce di sfoglia di circa 6 cm, ponetevi sopra le fettine di mela leggermente sovrapposte- con la buccia rivolta verso l’alto in maniera che sporga circa per metà dalla sfoglia.

Spennellate la base delle fettine che poggia sulla sfoglia con della marmellata di arance ( se è il caso diluitela leggermente a piacere con del liquore o semplicemente scaldatela leggermente per renderla un pochino più fluida).

(hei…pssstt…se gradite aggiungete una spolverata di cammella…schhhh non tutti apprezzano la cannella lo so…ma con le mele..è la morte sua!!)

Ripiegate la sfoglia sulla base delle mele ed arrotolate a formare le vostre roselline.

Spennellate con del burro fuso una teglia da muffins e ponete una rosellina all’interno di ogni incavo.

Spolverizzate con abbonante zucchero semolato ed infornate.

Cuocete in forno per 35-40 minuti.

…Lo sentite il profumo delle vostre rose..?

Vellutata 4* Stelle : Porri Piselli e Patate con Crostini Speziati e Seppioline al Pinot Grigio

vellutata 4 Stelle  Piselli Porri e patate con seppioline e crostini speziati

I cattivi artisti copiano, i geni rubano.

(Pablo Picasso)

*

Abbiamo assaggiato giorni fa …in un rinomato albergo 4* un piatto simile a questo…il risultato al nostro palato non ci aveva appagato quanto ci  aveva invece intrigato la voglia di “riprodurre” questa pietanza a modo nostro ed il risultato è stato decisamente appagante !

1 porro grande

300 gr piselli precotti

4 patate grandi

2 patate medie

  2l brodo vegetale

300 gr seppioline

250 ml panna liquida

1 spicchio di aglio

1 bicchiere di Pinot Grigio

pane in cassetta

curcuma

curry dolce

paprika dolce

sale

pepe

olio extravergine

In un capiente tegame fate leggermente appassire il porro tagliato fine insieme a 2 cucchiai di olio extravergine.

Aggiungete le 4 patate grandi tagliate a tocchetti, i piselli sgocciolati e coprite di brodo.

Mentre la vostra zuppa sobbolle allegramente…In un altro tegame mettete  3 cucchiai di olio extravergine e lo spicchio di aglio schiacciato…appena sentite il profumino spargersi per la casa e l’aglio comincia a sfrigolare…aggiungete le seppioline insieme alle 2 patate tagliate a tocchetti piccoli piccoli.

Sfumate con un bel bicchiere di pinot grigio e lasciate cuocere per 10-15 minuti abbondanti…come sempre ricordo…le seppioline o si scottano…o si fanno cuocere abbondantemente fino a quando non risultino morbide e questa volta il punto di cottura deve essere decisamente il secondo.

Tagliate il pane in cassetta a quadratini più o  meno della stessa misura delle seppioline  e dividetelo in tre porzioni più o meno uguali.

Scaldate la piastra o una padella antiaderente quando sarà ben calda  spruzzatela leggermente con dell’olio extravergine e spolverizzate a turno con un velo di spezie…con la curcuma una prima porzione di pane, la seconda con il curry e la terza con la parika; avrete così ottenuto i vostri crostini speziati.

A questo punto frullate con un mixer ad immersione le patate i porri ed i piselli, aggiungete 200 ml di panna fino ad ottenere un composto vellutatissimo.

Servite la vellutata ponendola nelle ciotoline, aggiungete 2 o 3 seppioline, un paio di crostini e qualche gocciolina di panna per decorazione.

…gustate e fatemi sapere!!

Il mio Bicchiere è Mezzo Pieno!…di Orzo Datterini Basilico con Delicata Mousse di Salmone e Yogurt Greco

Bicchierini di orzo e yogurt greco al salmone

Il punto di vivere ed essere come un ottimista, è di essere folli abbastanza da credere che il meglio deve ancora venire.
(P.A. Ustinov)

*

per 12 bicchierini

500 gr orzo

400 gr di yogurt greco

100 gr di salmone affumicato

pomodori datterini

basilico fresco

olio extravergine

sale

pepe

capperi

Mettete a bollire una pentola con l’acqua salata e fatevi cuocere l’orzo, poi scolatelo, fatevi scorrere dell’acqua fredda in maniera che non solo lo raffredderete ma bloccherete il punto di cottura.

Private i datterini dei semi interni,  e tagliateli a cubetti abbastanza piccoli.

Per il basilico, mettete un po’ di foglie l’una sull’altra ed arrotolate fino ad formarne un “sigaro”, tagliate a listarelle : in questo modo il basilico risulterà tagliato in maniera regolare.

In una ciotola capiente condite l’orzo con un filo di ottimo olio extravergine, sale pepe ed aggiungetevi i pomodorini ed il basilico, mescolate bene e conservate in un luogo fresco.

Frullate in un mixer il salmone, aggiungendovi un goccio di olio in maniera che si formi un composto soffice e cremoso.

Mettete in una ciotola lo yogurt greco, un cucchiaio di olio extravergine, pepe e, con un leccapentole, con movimenti dal basso verso l’alto, amalgamate in esso la spuma di salmone.

Preparate i bicchierini alternando l’insalata di orzo alla spuma di salmone, decorate a vostro piacimento utilizzando ad esempio le foglioline più tenere del basilico ed un cappero.

Tenete in un luogo fresco…ed alzate i vostri bicchieri…e preparatevi al prossimo brindisi!

Roquefort Rhapsody: Biscotti Sablé al Roquefort e Nocciole!

sable 1 ok

“Io faccio in assoluto i migliori biscotti di avena del mondo, ma non li faccio spesso perché non è giusto… verso gli altri biscotti.”

( Cit. Friends)

*

Eccoci con una bella idea per un aperitivo sfizioso, i biscottini salati preparati con un formaggio speciale il Roquefort! Essendo un formaggio un po’ forte e piccante di gusto potete sostituirlo con del gorgonzola !

Ingredienti

80 gr roquefort (oppure gorgonzola), 50 gr nocciole, 50 gr parmigiano grattugiato, 140 gr farina (se usate il gorgonzola mettete 150 gr di farina perchè altrimenti l’impasto risulterà troppo morbido) , 100 gr burro , 1 bustina di lievito in polvere per pane e pizza , sale, sesamo o semi di papavero a piacere, un coppapasta di circa 5 cm di diametro

Tritate finemente in un mixer le nocciole.

Tagliate il roquefort a cubetti piccoli

Fate fondere il burro a fuoco lento e lasciatelo raffreddare.

Preriscaldate il forno a  190 gradi .

Amalgamate in una planetaria o a mano la farina, il lievito,una presa scarsa di sale ,  il burro fuso, il parmigiano , le nocciole e il roquefort.

L’impasto risulterà morbido, se invece vi sembra ancora un po’ troppo inconsistente potete aggiungere un pochino di farina .

Formate una palla con l’ impasto , avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo 10/15 minuti nel freezer.

Prendete il panetto , dividetelo in 2 parti uguali. Mettete l’impasto tra 2 fogli di carta forno e stendetelo con il mattarello. Il foglio di impasto deve essere spesso circa mezzo centimetro . Formate i biscottini con il coppa pasta , staccate i biscotti delicatamente e appoggiateli su una teglia dove avrete precedentemente steso la carta forno e spolverateli con i semi di sesamo o di papavero o se preferite lasciateli al naturale

Cuocete i biscotti a forno ventilato per 20 minuti circa , fino a che non saranno dorati.

Aspettate che si raffreddino completamente prima che di gustarli!

 

Veniamo al punto…Quagliamo! Porri al Burro con Uova di Quaglia al Tabasco!

porro3 ok

La scoperta di un piatto nuovo è più preziosa per il genere umano che la scoperta di una nuova stella.
(Anthelme Brillat-Savarin)

*

Ecco un antipasto veloce e gustoso che ricorda il classico piatto di asparagi e uova che si preparano  in primavera! questa rivisitazione  può essere cucinata in tutte le stagioni!

Ingredienti x 2 persone 

8 porri ,  4 uova di quaglia ,  burro ,  parmigiano grattugiato, tabasco, sale

Prendete i porri , togliete le estremità e con un coltello incidete la superficie per tutta la lunghezza in modo da eliminare la parte esterna più spessa e tenere solo la parte più tenera .  cercate di ottenere dei gambi di lunghezza omogenea.

Mettete i porri a cuocere in una pentola di acqua bollente e salata per circa 20 minuti. Controllate comunque la cottura con una forchetta, il porro deve essere morbido .

Scolate i porri e asciugateli leggermente.

In una padella antiaderente fate sciogliere circa 50 grammi di burro a fuoco vivace. Appena il burro si è sciolto aggiungete una presa di sale ; quando il burro inizia a sfrigolare abbassate leggermente il fuoco e aggiungete i porri girandoli delicatamente in modo che si imburrino per bene.

Mentre i porri cuociono ,in un’altra padella a parte  fate  le uova di quaglia al tegamino.

Date una spolverata di parmigiano sopra i porri che stanno ultimando la cottura.

Ora potete inpiattare: sopra i porri terminate il piatto appoggiando sopra le uova di quaglia, il parmigiano e qualche goccia di tabasco !