Sweet Russian Blinis..ma con la Crema di Marroni!

marroni 3 ok

I blinis sono delle frittatine tonde semidolci di origine russa molto morbide che solitamente venivano servite tiepide con un velo di panna acida  come accompagnamento per salmone  e caviale. Li potete trovare già confezionati in supermercati specializzati oppure oltre frontiera in Francia dove ne fanno largo consumo!

Ve ne propongo una versione dolce grazie alla fantastica crema di marroni della VIS , una vera delizia !

Ingredienti 

1 confezione di mini blinis, 1 confezione da 250 ml panna liquida da montare, 1 cucchiaio di zucchero , 1 confezione di crema di marroni VIS, guarnizione cioccolato liquido.

Mettete a scaldare a fuoco basso  in una padella antiaderente i mini blinis fino a che non saranno tiepidi.

Nel frattempo versate in un contenitore alto e stretto la panna liquida e lo zucchero ( la dose di zucchero è soggettiva in base a quanto volete che la panna sia dolce) e montate la panna che deve avere una consistenza piuttosto corposa.

Togliete i blinis dal fuoco e iniziate ad assemblare il piatto: prendete un blinis tiepido , spalmatevi sopra uno spesso strato di crema di marroni, appoggiate sopra  un altro blinis, spalmate uno strato di panna e coprite con un terzo blinis.

Se volete potete anche fare uno strato in più creando una torre più alta , ma vi consiglio di iniziare sempre con la crema di marroni perchè la panna tende a sciogliersi e a non dare stabilità al dolce!

Componete il vostro piatto e buon appetito!

Salmon… : We Do It Italian Style !

salmone pesto e pomodorini

Immaginiamo una bella signora Inglese che sfoglia una rivista di cucina …niente di più meraviglioso che scoprire come un ingrediente molto particolare possa dare ad una ricetta un tocco squisitamente italiano e niente di più bello che poter condividere con Voi questa delizia la nostra amica Angela (nostra spettacolare e fedelissima “compagna di banco”) e…la signora Janet che non possiamo non ringraziare per questa versione… inglese di un salmone all’italiana!!!

Guardate gli ingredienti, avete indovinato qual’è l’ingrediente segreto per questa ricettina??

3 filetti di salmone

Basilico fresco

1/2 spicchio di aglio

Pecorino grattugiato

pinoli

sale

olio extravergine

6 pomodorini secchi sott’olio

6 pomodorini datterini

…prepariamo il pesto : 

io l’ho preparato davvero in una dose molto limitata per non sprecarlo ed utilizzarlo solo per questa preparazione.

Lavate il basilico , privatelo del gambo e mettetelo in un mixer insieme ai pinoli , un pizzico di sale, un po’  di pecorino grattugiato e mezzo spicchio di aglio privato dell’anima e schiacciato, e frullare aggiungendo a filo l’olio extravergine finchè non otterrete una cremina omogenea.

Preriscaldate il forno a 180°C

Tagliate molto finemente i pomodori secchi ed anche i pomodori datterini (…che io ho aggiunto per dare un tocco di freschezza alla ricetta…e perchè non sono capace di seguire una ricetta senza metterci le mani!!!…ladies please forgive me!!!) Mescolateli insieme in una ciotolina.

Sistemate i filetti di salmone sulla teglia sulla quale avrete steso un foglio di carta forno.

Aggiungete a questo punto un cucchiaino di pesto su ogni filetto avendo cura di stenderlo con curae a seguire sistemate sopra al peso un cucchiaio del mix di pomodori.

Infornate per 15 minuti.

Io ho servito il piatto accompagnandolo con piccole patate  al forno cotte con la buccia (…the English way) e dei broccoli passati in padella con aglio e olio…

Servite questa delizia calda e…God Save Good Wine with this Lovely Dish!!!

Inequivocabilmente semplice…Tagliatelle ai Pomodori e Basilico

tagliatella al pomodoro

L’ovvio è quel che non si vede mai, finché qualcuno non lo esprime con la massima semplicità … Kahlil Gibran

Siamo sempre alla ricerca della ricetta impossibile, dell’ingrediente pazzesco…e ci sta…va bene…ma…quanto è buona una pasta al pomodoro, fatta con Amore e preparata  con ingredienti semplici, freschi, profumati e mediterranei…non si può dire!!!

500 gr tagliatelle mezzane Paglia e Fieno del Pastificio Andalini

700 gr  di pomodorini datterini

8 pomodori piccadilly

1 cipolla bionda

1 spicchio di aglio

Olio extravergine

Sale

Basilico fresco…abbondante

Mettete a bollire l’acqua per la pasta e quando bolle salatela…io ho scelto le tagliatelle …ma ne avevo di veramente speciali!

Lavate bene i pomodorini e tagliateli in quattro .

I pomodori piccadilly li ho scelti perchè hanno un sapore dolce ed una buccia sittile e liscia, potete anche utilizzare quelli tondi ma forse vi conviene pelarli; tagliateli a dadini piccini e, in una ciotola conditeli con olio, sale basilico fresco abbondante  tagliato a listarelle. Teneteli da parte

Tagliate molto finemente la cipolla e tagliate a fettine sottilissime l’aglio.

Mettete sul fuoco un tegame capiente  con olio abbondante e fate ammorbidire la cipolla e l’aglio…è l’operazione più lunga dell’intera ricetta, non abbiate fretta, allungate con un goccino di acqua man mano fino a quando non vedrete che l’aglio si sfalda toccandolo con il cucchiaio di legno.

Aggiungete i pomodorini e fateli cuocere molto velocemente, solo fino a quando non si saranno leggermente appassiti e non cominceranno a rilasciare il loro sugo, diciamo circa 10/12 minuti.

 Cuocete la vostra pasta – tenendo da parte un po’ di acqua di cottura – scolatela ed aggiungetela nel tegame con i pomodorini, mescolate bene ed in questa fase aggiungete, se è il caso, un po’ di acqua di cottura.

In ultimo aggiungete i pomodori crudi che avevate precedentemente tagliato e condito.

Mescolate la pasta velocemente
Servite…e Supite!

Bianco Soffice di Ricotta al Caffè e Lamponi

dolce ricotta bufala OK

300 gr di panna liquida

500 gr di ricotta

1 cucchiaino colmo di polvere di caffè

2 tazzine di caffè espresso

250 gr di zucchero

3 fogli di colla di pesce

Tenete da parte una tazzina di panna liquida.

Mettete la colla di pesce in un contenitore coprendola di acqua fredda; nel frattempo mettete nel mixer la ricotta, la panna. il caffè in polvere, il caffè espresso e lo zucchero e frullate fino ad ottenere un composto molto liscio ed omogeneo.

Mettete la panna che avete tenuto da parte in un pentolino e, una volta prelevata la colla di pesce ammorbidita dall’acqua, mettetela nel pentolino a sciogliere…un paio di minuti ed è sicuramente pronta; versatela nel mixer ed amalgamatela agli altri ingredienti.

Foderate uno stampo da plumcake con della pellicola, versatevi il composto e mettete in frigo per almeno 4 ore.

Al momento di servire, rovesciate il dolce su un piatto di portata e decorate con lamponi freschi e una spolverata di zucchero a velo.

Ottimo, fresco e leggero…

Il sole in tavola…Panelle Siciliane!

panelle ok

Ecco come ricreare in casa il meglio della rosticceria siciliana e palermitana : le panelle.

La panella è una frittella a base di farina di ceci , molto semplice da fare ma ottimo per uno spuntino o per un aperitivo. La tradizione siciliana vuole che venga degustata in un panino ma non in uno qualsiasi, ma nel tipico panino siciliano con i semi di sesamo: la mafalda!

ecco la mia versione…

Ingredienti x circa 20 panelle piccole

250 grammi di ceci , 750 ml acqua, sale, olio da frittura.

Mischiate in una ciotola capiente  farina e acqua e mescolate fino a che non ci saranno più grumi.

Una volta ottenuto un liquido omogeneo, salatelo (un paio di cucchiaini dovrebbero bastare) e versatelo in una pentola antiaderente. Cuocete a fuoco medio mescolando continuamente in modo che l’impasto non si attacchi alle pareti della pentola.

Dal momento in cui il liquido comincia a raddensarsi  e a bollire fate cuocere per almeno 20/25 minuti continuando a mescolare energicamente.

Quando vedrete che mescolando l’impasto si stacca facilmente dai bordi della pentola, significa che la cottura è quasi terminata.

A questo punto bisogna versare l’impasto su una superficie fredda …ognuno usa un metodo diverso: c’è chi lo versa sopra una superficie di marmo, chi invece lo spalma sulla parte piatta esterna di un piatto di plastica, io invece preferisco preparare un tagliere grande di legno avvolto in uno strato di carta forno: così facendo la superficie spalmabile è molto ampia e permette alle panelle di rapprendersi velocemente.

Versate sul tagliere l’impasto; dovete essere molto veloci perchè se il composto  inizia a raffreddarsi è molto più difficile spalmare e uniformare la superficie.

Una volta versato il tutto, aiutatevi con un coltello piatto o una paletta e stendete uniformemente lo strato di panella in modo che rimanga abbastanza sottile (non più di mezzo centimetro).

Lasciate riposare per 30 minuti circa.

Preparate una pentola con abbondante olio da frittura che inizierete a riscaldare .

Controllate che il composto sia freddo e che si stacchi dal fondo.

Con un coltello fate dei quadratini  ( 5 cm circa per lato ad esempio) e quando l’olio è pronto per la frittura staccateli delicatamente dalla carta forno e friggeteli.

Le panelle sono pronte quando si sarà formata una crosticina dorata e croccante .

Toglietele all’olio, lasciatele su un foglio di carta assorbente e salatele subito.

Mi raccomando si mangiano caldissime!

 

 

Senza Fretta…La Qualità ed il Pregio del Salmone Marinato

 

salmone marinato

Questa ricetta semplice ma deliziosa mi è stata regalata da una persona carissima, un uomo pieno di energie, passioni e voglia di comunicarle, un uomo che ha vissuto tantissimi anni  nel mondo dell’enogastronomia di altissimo livello essendo stato per anni Food and Beverage Manager dell’ Hotel Royal di Napoli…e che con grande orgoglio è il mio Zione!Grazie zio Lello!!

Mi sono avvalsa, per questa preparazione di materie prime di ottimissima qualità tra cui non posso mancare di nominare l’azienda >>ROI<< che mi ha fornito  il miglior Mosto D’olio che io abbia mai utilizzato…e che io centellino preziosamente!

  • 1 filetto di salmone

Marinata:

  • Aceto di Mele/ oppure di  Vino  1 bicchiere
  • acqua 1 bicchiere
  • sale fino iodato qb

Condimento:

Tagliate molto finemente il filetto di salmone …meglio se ricavati dalla parte della coda perchè molto più teneri e mettetelo in una marinata marinata preparata con Aceto di Mele e acqua  – nella stessa quantità…meglio eventualmente abbondare un po’ di più con l’aceto che non con l’acqua… – e sale.
Lasciate marinare il pesce per almeno 4 o 5 ore in questa marinata, ma se non avete particolarmente fretta potete metterlo a bagno la sera prima per il giorno successivo, ancora meglio!

Prelevate  le fettine dalla marinatura e conditele con Olio Extravergine di oliva, pepe, uno spicchio di aglio tagliato a fettine, prezzemolo e un porro tagliato finissimo.
Fatta questa operazione ancora una volta se avete qualche ora per farlo ulteriormente insaporire in questo condimento il risultato sarà ottimo.

Servitelo così puro e semplice o accompagnato da crostini di pane abbrustolito in forno con olio e sale e, se vi piace, dell’ottimo formaggio caprino sarà un ‘accostamento eccezionale.

Tagliatella Glamour…al sugo di Gamberetti!

gamberetti 2 ok

Che dire…queste freschissime tagliatelle del Pastificio Andalini ci hanno davvero conquistato!

Il gusto avvolgente che si adatta a qualsiasi sugo che preparerete lascerà  tutti a bocca aperta!

INGREDIENTI x due persone

500 GR tagliatelle mezzane del Pastificio Andalini, 1 confezione di gamberetti precotti da 200 gr, 1 bicchiere di vino bianco, 1 confezione da 250 gr di panna liquida , passata di pomodoro, 2 cucchiai di parmigiano,aglio,olio ,  timo, sale

In una padella antiaderente fate soffriggere a fuoco basso uno spicchio d’aglio schiacciato.

Nel frattempo prendete i gamberetti e tagliateli a pezzettini piccoli ; quando vedete che l’aglio si è dorato  , potete toglierlo dalla padella e versare i gamberetti che lascerete cuocere per pochi minuti.

Aggiungete il bicchiere di vino bianco e lasciate sfumare.

Mettete a bollire l’acqua per le tagliatelle , ricordate di salarla!

Aggiungete ai gamberetti la panna liquida e il passato di pomodoro (decidete voi la quantità in base al vostro gusto considerando che il sugo deve essere molto abbondante ),salate e fate cuocere per 5 minuti sempre a fuoco basso.

Potete ora aggiungere 2 cucchiai di parmigiano nel sugo  e mettere a bollire la tagliatella (circa 5 minuti)

Mentre la pasta è in cottura aggiungete al sugo un paio di mestoli di acqua della pasta (tenetene sempre da parte una tazza se vedete che il sugo diventa asciutto durante la mantecatura ne aggiungete un pochino).

Versate la pasta nel sugo e mantecate non più di due minuti  a fuoco vivace finchè la tagliatella non si sarà amalgamata con il condimento .

Il gioco è fatto!

Al contadino non far sapere…Merluzzo Bacon e Pere in Salsa all’Arancia

merluzzo bacon e pere

Il mondo dei finger food è assolutamente speciale…piccole prelibatezze racchiuse in un solo boccone, Vino e Salvia reduci da un corso per approfondire questo tema vi regalano questa ricetta speciale rivisitata alla nostra maniera : semplice, veloce, gustoso…delizioso!…ma chi lo ha detto che sono finite le festeeeee?????

800 gr di filetti di merluzzo surgelati e porzionati

3 pere

200 gr di bacon tagliato sottile

il succo di 2 arance

vino bianco

sale

pepe

burro

Fate scongelare i filetti di merluzzo e tagliateli ricavandone 3 cubetti. lavate le pere e tagliatele – mantenendo la buccia – prima a metà, poi i quarti e dai quarti ricavatene 4 fettine spesse circa 1 cm.

Preriscaldate il forno a 180° C.

Fate sciogliere una noce di burro in una padella antiaderente e solo quando è ben calda mettete a rosolare i quadrotti di merluzzo sfumandoli velocemente con un goccio di vino bianco ; questa operazione deve essere molto veloce per non far sfaldare il pesce e non deve cuocere completamente il merluzzo che andrà passato ancora in forno.

Togliete il merluzzo dalla padella e nella stessa buttateci le pere in maniera da mantecarle nella stessa salsina del pesce fino a quando non saranno morbide…ma non troppo cotte.

Tenete ancora una volta la salsina della padella e versateci il succo di arancia facendolo restringere della metà del suo volume.

Prelevate le pere dalla padella e tagliatene alcune fettine delle dimensioni dei cubotti di merluzzo, adagiate un pezzetto di pera su ogni quadrotto di pesce ed avvolgete con una fettina di bacon. Sistemate questi involtini su una teglia da forno per circa 10 minuti in maniera da ultimare la cottura del pesce e rendere la pancetta appena croccante.

Servite i cubotti con una fettina di pera ed un cucchiaio di salsina all’arancia.

et Voilà! Un’esplosione di sapori!

Non ditelo a nonna Pina…Tagliatelle radicchio, gorgonzola e Dolcetto d’Alba

pasta3 ok

Durante queste  festività abbiamo avuto l’onore di provare per voi le tagliatelle del Pastificio Andalini, che da tantissimi anni con passione e amore produce una pasta all’uovo di ottima qualità;  le tagliatelle in particolare sono davvero speciali , mantengono una perfetta cottura e si armonizzano ottimamente con le preparazioni raccogliendo il condimento in maniera omogenea!

INGREDIENTI

500 gr Tagliatelle mezzane del Pastificio Andalini, 1 radicchio, 300 gr gorgonzola dolce, 1 bicchiere di Dolcetto d’Alba , olio di semi, sale.

Fate bollire l’acqua nella quale cuocerete le tagliatelle.

Fate scaldare in una padella antiaderente l’olio e nel frattempo tagliate a striscioline il radicchio.

Versate il radicchio nell’olio, salate e lasciatelo appassire  per qualche minuto. Versate il vino e lasciate sfumare.

Aggiungere la gorgonzola che avrete tagliato a cubetti e mescolate finché non si sarà sciolta.

Ora potete cuocere  le tagliatelle per 4 minuti , una volta cotte ,  versatele nella padella del sugo e mantecate  per un paio di minuti .

Se la tagliatella dovesse assorbire troppo sugo, aggiungete uno o due mestoli di acqua di cottura per diluirlo.

Rime: Paglierina, Salsina…e Rosa Canina

salsa 2 ok

Adoriamo i formaggi, se sono stagionati ancora meglio! cosa c’è di più bello  se non  accompagnarli con una deliziosa salsina? Un modo divertente e veloce per stuzzicare qualcosa sul divano con gli amici!

Questa salsa di accompagnamento ha un ingrediente inaspettato ma che saprà stupirvi, la marmellata di Rosa Canina : la vitamina C è presente in questa pianta  in quantità 50/100 volte superiore rispetto alle arance e ai limoni e per questo contribuisce al rafforzamento delle difese naturali, ottima per combattere i sintomi influenzali di questo periodo! Io ho utilizzato la confettura extra della Vis!

Per dare ancora più sapore aggiungete dell’ottimo aceto balsamico Giusti, sentirete la differenza!

Ingredienti

1 cipolla rossa grande , confettura extra di rosa canina Vis, olio di semi, sale, acqua, aceto balsamico Giusti

Tritate la cipolla e fatela leggermente soffriggere a fuoco medio  in una padella antiaderente in cui avrete   fatto riscaldare due cucchiai di olio ; abbassate il fuoco , salate e aggiungete mezzo bicchiere di acqua calda .

Lasciate cuocere e stufare la cipolla finchè non avrà assorbito completamente il liquido.

A questo punto aggiungete 3 cucchiaini di confettura di rosa canina , mescolate e lasciate raffreddare.

Quando il composto si sarà intiepidito frullate il tutto , versate  in una ciotolina e aggiungete un cucchiaino e due (a seconda del vostro gusto) di aceto balsamico. Amalgamante il tutto e servite!

Io la trovo ottima sia con i formaggi a pasta dura sia con una paglierina alla piastra!