Un po’ di Liguria nel piatto…la Focaccia!

20130322_003

Vorrei essere sincera e dire che durante una delle mie numerose passeggiate nel web mi sono imbattuta in questa ricetta fornita dal un ben più nobile e famoso Blog :  “Giallo Zafferano”.

…ma siccome  sono incapace di mentire nonchè molto poco egoista – e non riteniate dei pregi nè l’uno nè l’ altro –  ho voluto condividere con tutti voi il piacere di preparare e gustare questo piatto tipico che, seppur non rapidissimo, vi faràvivere il privilegio di sentirvi autori di una vera delizia!!!

L’ho fatta 2 volte e ve la riporto con le quantità e gli ingredienti così come hanno funzionato per me alla perfezione!

Io ho usato la planetaria ma ovviamente : onore a voi se impasterete a mano!!

  • 600 gr farina
  • 300 ml di acqua
  • 2 cucchiaini abbondanti di sale
  • 50 ml olio extravergine + q.b per la teglia
  • 2 piccoli cucchiaini  di zucchero
  • 1 panetto di lievito di birra – sbriciolato

Pronti…Via !

Preparatevi su tavolo tutti gli ingredienti, questa fase è importante per qualunque ricetta ma ancora di più quando si preparano degli impasti per far sì che il procedimento abbia una certa contunuità e il composto rimanga sempre bene oomogeneo e curato.

Preparate il contenitore con l’acqua, versatevi il sale, lo zucchero e l’olio e mescolate per bene.

Attenzione : accendete il forno (ventilato) a 30°

versate l’acqua nella planetaria ed aggiungetevi metà della farina. Mescolate con cura.

Aggiungete il lievito e date un’altra bella mescolata – 2 o 3 minuti.

In ultimo aggiungete la restante farina.

Il composto sarà molto morbido, molto omogeneo e leggermente appiccicoso.

Prelevatelo dalla planetaria e dategli la forma di una palla lavorandolo velocemente su un piano di lavoro leggermente infarinato.

Preparate la teglia di cottura con la carta forno sulla quale avrete versato dell’olio extravergine (circa 5 cucchiai)

Poggiate l’ impasto al centro della teglia ed appiattitelo fino ad un diametro di circa 25 cm.

Infornate e lasciate lievitare per 30 minuti.

Trascorso questo tempo togliete la teglia dal forno ed appiattite l’impasto fino a che avrà occupato tutta la superficie della teglia.

Se l’olio che fuoriesce dai birdi non dovesse essere suggiciente ad ungere tuttal lasuperficie dell’impasto, aggiungetene un po’.

Infornate nuovamente e lasciate lievitare per altri 30 minuti.

Nuovamente estraete la teglia dal forno, una volta trascorso questo tempo di lievitazione e, con i polpastrelli spingete sull’impasto per creare sulla focaccia quei fori tipici della preparazione ligure. spingete con i polpastrelli senza paura un maniera da bucherellare in profondità tutto l’impasto nella teglia.

Facciamo lievitare in forno per altri 30 minuti.

Ci siamo!

Prelevate la teglia dal forno.

Alzate la temperatura del forno a 200° C e fatelo riscaldare.

Nel frattempo…

Versate sull’impasto ancora un filo d’olio ( …vi dico io…i liguri vi direbbero di versarne ancora copiosamente in maniera da riempire i famosi tipici  buchini con l’olio).

20130322_006

Prima di infornare, utilizzando un vaporizzatore, sarebbe bene se riusciste a vaporizzare l’impasto con dell’acqua, e lo stesso dovreste fare nel forno per avere quel giusto tasso di umidità che vi permetterà di avere una focaccia deliziosamente croccante.

E TO Beer ci accompagna con…

La focaccia e la pizza, contrariamente alla nostra tradizione fatta di pizzerie che servono “birre” anonime, non sono piatti facili di abbinare. Per questa focaccia genovese TO Beer avrebbe pensato a… Jatobà (Altbier) del Birrificio San Paolo di Torino 5,5% ABV

jatoba-san-paolo-b000111

Si presenta con un bel cappello di schiuma fine color crema nel bicchiere tradizionale chiamato “stange”�. Leggermente velata e dall’elegante color mogano con riflessi rubino.La Jatobà all’olfatto è relativamente poco intensa, con persistenza media, motivata dalla lunga lagerizzazione a bassa temperatura di questa birra ad alta fermentazione.Il malto caramello domina l’olfatto con le sue note di zucchero candito; ben in evidenza sentori di nocciola tostata nel finale. Il gusto è intenso, con lunga persistenza dolce del malto Munich che conferisce un sapore pieno e deciso evolvente in note tostate; finale amaro secco non particolarmente lungo in perfetto stile alt. Il corpo tra l’esile e il medio. Birra di grande equilibrio, pericolosamente beverina e adatta ad accompagnare tutto il pasto.

 Questa birra potete assaporarla direttamente al Birrificio San Paolo in via Airasca 11/D a Torino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...