Melanzane ripiene accompagnano gli gnocchi di semola

20130301_002

Ho visto per la prima volta queste deliziose melanzanine… piccolissime, sembravano delle miniature,un giocattolo fatto a melanzana….

 

Non ho potuto assolutamente resistere e le ho portate a casa, ma l’unico modo che avevo per far godere tutti quanti della loro bellezza e delle loro piccolissime dimensioni… era riempirle meravigliosamente ….

e così ho fatto!

melanzanine

Volevo anche accompagnarle con qualcosa di speciale, le melanzane ripiene sono di per sè già un bel piatto, mancavano solo i carboidrati ed avremmo avuto tutto ciò che ci serviva…e mi sono inventata questi gnocchi davvero speciali, provateli, seguite la ricetta passo passo e …. saranno una piacevolissima sorpresa!!!

Per Le Melanzane

  • 600 gr Carne tritata 6 Melanzane Piccole
  • … io ho aggiunto anche 4 Pomodori Tondi..perchè siamo tantiiii
  • 1 Spicchio di Aglio
  • 1 Cipolla
  • 150 gr Prosciutto Cotto
  • 100 gr Pangrattato
  • Latte qb
  • olio extravergine

Per Gli Gnocchi

  • 2 patate grandi  – circa 300gr in tutto
  • 80 gr di semola per gnocchi
  • 40 gr di farina “00”
  • sale
  • burro
  • salvia
  • 1 limone non trattato
  • mozzarella

Occupiamoci delle Melanzane : tagliamole a metà e mettiamole a sbollentare in acqua bollente e salata per 5 minuti, una volta fatta questa operazione aspettiamo che si intiepidiscano e svuotiamole tenendo da parte la polpa.

Ah…se avete intenzione di fare anche gli gnocchi vi consiglio in questa fase di mettere sul fuoco un’altra pentola e di immergervi le patate a cuocere in maniera che siano pronte tra poco per i vostri gnocchi.  Io le cuocio con la buccia e poi la tolgo in un secondo tempo.

Se anche voi avete i pomodori da riempire, tagliate loro il “cappello” e svuotateli tenendo anche in questo caso la polpa da parte.

Mettete le Melanzane ed i pomodori a raffreddare e sgocciolare capovolti su un piatto .Tagliamo finemente:

  1.  la cipolla
  2. l’ aglio a fettine sottili
  3. il Prosciutto
  4. la polpa delle melanzane
  5. la polpa dei pomodori

Preriscaldiamo il forno ventilato a 180 °C.

Mettiamo un poco di olio extravergine in una casseruola e mettiamo a rosolare…in quest’ordine… la cipolla e l’aglio, poi il prosciutto e quando sarà tutto dorato aggiungiamo le polpe di melanzane e pomodori. Aggiustiamo di sale e di pepe.

Mettiamo la carne tritata in un contenitore capiente e aggiungiamo il contenuto della casseruola che appena intiepidito.

Mettete 2 pugni di pangrattato in una ciotolina e bagnate con del latte freddo fino ad ottenere un composto morbido ma NON liquido, il pangrattato deve addensarsi con il latte.

Aggiungete il composto di pangrattato nel contenitore con la carne trita. Mescolate molto bene l’impasto con le mani.  Assaggiate l’impasto e aggiustate di sale e di pepe.

Ora prendete l’impasto e riempite le melanzane ed i pomodori ed sistemateli in una teglia da forno.

Mettete in forno per 25 minuti.

Una volta trascorso questo tempo tirate fuori le verdure ripiene e mettete su ognuna un bocconcino di mozzarella e date una leggera spruzzata di pangrattato, rimettete in forno per circa 10 minuti.

E mentre le melanzane sono in forno facciamo gli gnocchi!!

Mettiamo in un contenitore la farina e la semola e mescoliamole insieme.

Togliamo la buccia alle patate, e le schiacciamo con lo schiacciapatate, aggiustiamo di sale e cominciamo ad impastare con le mani aggiungendo le farine fino a quando l’impasto non risulterà omogeneo, morbido e compatto.

Non lavoratelo troppo.

Formate a questo punto dei filoncini e tagliate dei cubetti non troppo piccoli. Una volta fatta questa operazione schiacciate nel mezzo ogni cubetto con un dito e metteteli su della carta forno sulla quale avrete steso della semola per non farli attaccare.

Preparate una padella sul fuoco e fatevi sciogliere il burro, poi aggiungete la salvia e lasciate che il burro diventi dorato – Io avevo solo della salvia in polvere già tritata ed il risultato è stato ugualmente meraviglioso.

Quando il burro è dorato rendete gli gnocchi e fateli rosolare da entrambe le parti.

Noterete subito che dopo 2 o 3 minuti prenderanno un colore meravoglioso, tenete d’occhio la fiamma che deve essere “allegra”, ma non fateli bruciare! Quando li vedrete belli e dorati in tutto il loro splendore e nella padella ci sarà pochissimo burro rimanente…prendete il succo di un limone e versatelo sopra gli gnocchi poco alla volta, sempre mentre sono nella padella e fateli saltare.

Se fate questa operazione poco alla volta il risultato sarà delizioso, il limone sfrigolerà nella padella, e l ‘aroma sarà completamente assorbito dagli gnocchi…fateli saltare e ripetete l’operazione.

Credetemi, il risultato è stupefacente!! Gli gnocchi saranno asciutti, dorati fuori e morbidi dentro e il loro sapore vi sorprenderà!

Non sono un primo eh…sono il giusto carboidrato per il piatto!20130301_003

Le melanzane sono dunque  pronte, avete già aggiunto la mozzarella ed il pangrattato? M-e-r-a-v-i-g-l-i-o-s-o!!

Prendete un piatto…una melanzana, un pomodoro…accoccolatevi qualche gnocco accanto, se vi piace, io ho servito con una salsa fredda di pomodoro tritato,olio extravergine ,sale … Divertitevi!!

Gli amici di TO Beer fanno Cheers con…

Lambrate-Ortiga

Ortiga – Birrificio Lambrate Milano 4,8% ABV
“…Il primo sorso di Ortiga non si scorda mai…” i soci fondatori di TO beer che hanno avuto l’onore ed il piacere di gustare questa birra nel bellissimo brewpub del celebre birrificio milanese sono concordi sul punto.
La Ortiga è una Golden Ale il cui nome fa riferimento ad un quartiere di Milano (Ortica, che in dialetto diventa Ortiga) un tempo frazione del comune di Lambrate. Il colore di questa ottima birra è un bel giallo dorato, con una schiuma bianca di media persistenza. Il naso è fresco e pulito, con  delicati sentori agrumati  e di cereali, bilanciati da un erbaceo leggero; ottimi profumi, eleganti e pungenti. L’ingresso in bocca è un trionfo: troviamo una base di malto (pane) molto lieve che lascia subito il passo ad un amaro ricco di “zest” (scorza di pompelmo e lime) bilanciato da note più dolci di polpa d’agrumi. Birra armonica ed equilibrata con uno splendido taglio secco sul finale, che invita a ripulire il palato e a reclamare subito un nuovo sorso. Retrogusto abbastanza intenso, amaro . L’estrema pulizia e la corretta carbonatazione la rendono una birra  molto beverina  esemplare interpretazione dello stile, l’
Ortiga è certamente una delle migliori Golden Ale italiane.
Potete trovarala presso “Lo Sfuso”, Via Pastrengo 3 bis, Torino
Cheers!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...